AUTOVELOX: ECCO I TRUCCHI PER EVITARE DI PRENDERE LA MULTA

Autovelox

Gli Autovelox sono stati creati per la nostra sicurezza, ma sono diventati una vera fonte di guadagno per i comuni a danno degli automobilisti distratti. Ecco alcuni consigli utili per evitare le multe.

Come funzionano gli Autovelox

L’Autovelox più diffuso in Italia è quello con la fotocellula. Il funzionamento è lo stesso sia per le postazioni fisse che quelle mobili, al passaggio dell’auto davanti alla prima fotocellula attiva il timer, che si interrompe quando si passa davanti alla seconda fotocellula. Se la distanza viene trascorsa velocemente, la macchina rileva l’eccesso di velocità, scatta la fotografia alla targa e al invia ai sistemi centrali della Polizia di Stato. Da qui parte la multa.

Multe autovelox nulle: verbali sbagliati, sentenza shock

Come evitare il rilevamento dell’eccesso di velocità

Gli Autovelox sono istallati in specifici box, ben riconoscibili e ben segnalati sulle strade. Molti automobilisti, in prossimità dell’Autovelox rallentano, questo accorgimento permette di arrivare alla fotocellula ad una velocità regolare, per poi accelerare più avanti, questo permette di non far scattare la multa.

Safety Tutor in autostrada

In autostrada, viene utilizzato il sistema Safety Tutor, che rileva la velocità media. Il sistema registra il passaggio delle vetture davanti a un primo macchinario e poi davanti ad un secondo. Se il tratto è stato percorso troppo in fretta, scatta immediatamente la multa.

Telelaser

L’innovazione su come infliggere multe agli automobilisti non si placa, l’ultimo ritrovato è il Telelaser, che a differenza dei sistema sopra descritti permette di scattare fotografie fino anche ad un km di distanza. Questo sistema permette di verificare oltre l’eccesso di velocità, anche la mancanza della cintura di sicurezza oppure se l’automobilista e al cellulare mentre guida.

Multe da record con Targa system: da gennaio ad aprile 2017

Passaggio con il semaforo rosso

Passaggio con il rosso, dispositivi sempre più innovativi ed infallibili. Esiste un dispositivo chiamato Photored, che si attiva una volta che l’auto quando transita sopra specifici sensori installati nell’asfalto. Se si passa davanti a un semaforo diventato rosso questi sensori si attivano e scatta la fotografia e di conseguenza la multa.

Multa valida anche senza la presenza degli agenti

Scout Speed

E per finire lo Scout Speed, montato sul tettuccio delle macchine della Polizia e utilizzato in movimento. Il sistema riesce a calcolare la velocità, delle auto che viaggiano sulla stessa corsia o sulla corsia opposta. La multa verrà spedita direttamente per posta al proprietario dell’autovettura.

Multe con Scout Speed, si può fare ricorso e vincerlo?

Conclusione

Consigliamo per non correre rischi di controllare la mappa degli autovelox, resa pubblica dalla Polizia di Stato nei tratti autostradali. Oppure munirvi di navigatore, ormai nelle nuove vetture esce di serie, questi sono programmati per segnalare la presenza di autovelox o  Tutor.

Esistono anche delle apposite App da scaricare sul tablet o telefonino che vi segnalano le postazioni di Autovelox e tutor.

(fonte investireoggi.it)

Precedente BUNKER DA SPIAGGIA: ECCO DOVE NASCONDERE LE COSE DI VALORE MENTRE FAI IL BAGNO! Successivo Mamma 2.0 - Cinque modi per guadagnare tempo la mattina